Archivio per Nosferatu

Nosferatu e l’Italia con le scarpe di cartone

Posted in Uncategorized with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 2 dicembre 2010 by scrittiapocrifi

Mi ero riproposto, assolutissimamente, di non parlare di politica in questo blog. Poi stasera ho visto Alessandro Sallusti, il Nosferatu che finge di dirigere il Giornale al posto di Feltri, e mi sono incazzato un po’ più del solito. Parlando delle proteste dell’Università e del precariato giovanile ha detto che “chi a 37 anni ancora rimane a casa con i genitori è un fallito, ha dei problemi personali“.
Una frase brutta, da parvenu arricchito che fa sfoggio di arrogante cafoneria, che si rivolge con disprezzo ai paesani rimasti poveri, inutilmente violenta ed offensiva, ma soprattutto stupida. Anche se la si vuol far passare per arguto dissenso nei confronti del “politically correct“. Come quella volta che, parlando degli immigrati di Rosarno, Feltri li definì “negri” (anche se avevano ragione).
Ho immaginato Sallusti travestito da Maria Antonietta Asburgo Lorena , con una parrucca incipriata e un vestito in broccato di seta,  che di fronte al popolo affamato pronuncia la fatidica frase “s’ils n’ont plus de pain, qu’ils mangent de la brioche. Si sa poi quanta fortuna le portò quella frase.
Le affermazioni di Nosferatu, come il personaggio che interpreta ogni sera da Ballarò a Porta a Porta, da Exit a Matrix, mi sono comunque sembrate una metafora del berlusconismo e di come abbia assecondato l’inclinazione naturale degli italiani a non preoccuparsi dei problemi altrui, e quando iniziano a diventare anche problemi propri pensano a farsi furbi e a trovare qualche escamotage per uscirne, per salvarsi, ma rigorosamente da soli o al massimo con la famiglia. Fortunatamente non siamo tutti così. L’alluvione di Firenze, il terremoto in Irpinia servono a ricordarlo, ogni tanto.
E non c’è nulla in tutto questo che riguardi la finta contrapposizione tra destra e sinistra, ormai svuotata di ogni significato, buona solo per i talk show.
Ma purtroppo gli italiani amano i sogni di gloria e ogni tot anni si rincoglioniscono completamente. E sembrano capaci di risvegliarsi solo quando i sogni si trasformano in tragedie. Gli italiani di oggi assomigliano un po’ agli alpini di ieri, mandati a fare la guerra sulle pianure del Don, con le scarpe di cartone ai piedi. Speriamo solo che almeno stavolta l’Italia riesca a svegliarsi prima. E che a Sallusti i capelli inizino a crescergli verso l’esterno come tutti gli altri, e non verso l’interno del cranio. Hai visto mai che così inizi a ragionare?

Annunci