Marketing natalizio

Posted in Uncategorized with tags , , , , , , , , , , , , , on 3 novembre 2009 by scrittiapocrifi

La annuale campagna di marketing natalizio ha le sue leggi. Prima di tutto: tirare fuori dai magazzini tutte le cazzate, fregnacce e bubbole rimaste invendute per tutto il resto dell’anno. E’ il grande momento di celebrità per aspirapolvere, cioccolatini, macchine per fare il caffè, pentole a pressione, cofanetti da dieci CD degli Abba. Ed è solo la prima ondata: l’attacco massiccio arriva con panettoni, torroni, cotechini, brandy, spumanti, addobbi luminosi, alberi di natale etc.
Secondo: comprare tonnellate di spazi pubblicitari su giornali e soprattutto televisioni. Si prepara l’assedio preparando il campo e mettendo a punto le torri d’assalto. Ogni secondo di tv, ogni centimetro quadrato di carta stampata devono rendere profitti almeno dieci volte maggiori del capitale investito.
Terzo: sparare messaggi pubblicitari a raffica di tutti i tipi, in tutti i formati e in tutte le direzioni possibili. Vanno scardinati i bastioni del senso di colpa e allentare le difese psicologiche nei confronti del consumo. Spendere deve essere un fatto liberatorio, un momento di felicità assoluta.
Quarto: calcolare bene i tempi. Sabato 24 ottobre è la prima scadenza, il tamburino che prepara l’attacco: il primo blocco di praline al liquore, scope elettriche e offerte per i cellulari. Due settimane dopo, attorno al 7 novembre arrivano i primi panettoni e torroni, dopodiché a seguire giocattoli, gli accessori per la casa, gli addobbi.
Vi sentirete in colpa per non aver comprato i Ferrero Rocher anche a ferragosto. Espierete nella sofferenza il non avere abbastanza soldi da buttare nel cesso. Tribolerete per la tentazione di comprare l’ultimo TV da 50 pollici in HDTV. Vi sentirete orrendi per non aver ceduto allo sconto per l’indimenticabile crociera.
Soprattutto, se avete figli in età compresa tra i quattro e i dodici anni, non passerete liscio questo Natale di lagne per la Wii, la PSP3 o qualche altra minchiata del genere.
Comunque vada siete fottuti: nell’attacco finale alle tredicesime non si faranno prigionieri.

La vita segreta degli ombrelli

Posted in Uncategorized with tags , , , , , , , , , , , , on 26 ottobre 2009 by scrittiapocrifi


Gli ombrelli nascono in un posto imprecisato. Generalmente in Cina o qualche posto del genere. Poi arrivano misteriosamente nei paesi piovosi, immagino viaggiando in nave, stipati dentro dei container.
Gli ombrelli di media qualità si materializzano misteriosamente dentro i Bricofer o da Casamercato,   invece quelli più scadenti appena inizia a piovere compaiono  nelle mani di decine di milioni di miliardi di venditori del Bangladesh, probabilmente arrivati anche loro con qualche nave, stipati dentro dei container.
Gli ombrelli di lusso invece passano la maggior parte della loro vita in certi negozi molto glam, come in un orfanotrofio. Sperano sempre nella botta di culo: qualcuno che ha un po’ di soldi da buttare e un lontano parente a cui non sa che cazzo regalare per Natale. Se invece sono sfortunati verranno adottati da una personalità ossessivo compulsiva, ma di quelle veramente pignole, con cui con ogni probablità passeranno molti noiosissimi anni.
La vita dell’ombrello può essere lunga o brevissima, dipende dalla specie. Solitamente la vita dell’ombrello più gracile termina nelle giornate di pioggia e vento, specie all’inizio dell’autunno o in primavera inoltrata.
Gli ombrelli, specie quelli da donna, hanno sempre una forte vocazione per il kitsch. Lo dimostra il fatto che le fantasie della tela sono per definizione orrende e i portaombrelli sono sempre l’oggetto più brutto di qualsiasi casa (fate pure la prova).
Gli ombrelli sono infedeli per natura, e cambiano spesso padrone. A volte vengono rapiti da persone molto malvagie e inclini al crimine mentre il proprietario è al bar a prendere un caffè o in fila alla posta. Nessuno però ha mai ricevuto una richiesta di riscatto.
I distratti e gli ombrelli sono due razze che non vanno tanto d’accordo. In  famiglia siamo tutti sbadati e gli ombrelli subiscono continui stress post-traumatici girando come trottole da una casa all’altra.
Gli ombrelli hanno il senso dell’avventura, adorano viaggiare e vedere il mondo. Il mio ombrello nero “elegante”, ad esempio si è nascosto sul portabagli in un treno per proseguire verso Salerno. Quello grigio dell’Ikea invece tempo addietro è andato al Brennero.
Ogni tanto però mi mandano delle cartoline. Se doveste incontrarli, salutatemeli tanto. Se poi siete il signor Knirps®,  mandatemi una mail.

Neolingua (post in progress)

Posted in Uncategorized with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , on 4 ottobre 2009 by scrittiapocrifi

“La Neolingua era distinta da quasi tutte le altre lingue dal fatto che il suo vocabolario diventava ogni giorno più sottile invece di diventare più spesso. Ogni riduzione rappresentava una conquista, perché più piccolo era il campo della scelta e più limitata era la tentazione di lasciar spaziare il proprio pensiero. Si sperava, da ultimo, di far articolare il discorso nella stessa laringe, senza che si dovessero chiamare in causa i centri del cervello”.
George Orwell, 1984

Ecco come si sta realizzando la profezia di Orwell. Per compilare questo breve dizionario della neolingua berlusconiana è stato sufficiente sfogliare  le dichiarazioni di Berlusconi, di qualche ministro o sottosegretario e alcuni pregevoli editoriali di “Libero” e “Il Giornale” dell’ultima settimana e tradurle pragmaticamente. L’utilità del dizionario è che tutte le voci possono essere consultate  indifferentemente in un verso o nell’altro, secondo l’unico criterio logico dell’utilità del momento.

Se qualcuno vuole può contribuire, inserirò le voci segnalate. Forse.

Annozero = boomerang;
Antiberlusconismo = invidia;
Autonomia = subordinazione;
Avversario = nemico;
Bugia = verità;
Canone Rai = tassa Santoro;
CEI (Conferenza Episcopale Italiana) = cattocomunisti;
Censura = consenso;
Coesione sociale = allineati e coperti;
Comunista = satana col pisello fuori dalla patta;
Conflitto d’interesse = what?;
Contraddittorio = monologo;
Corruzione = dazione a fondo perduto;
Corte Costituzionale = comunisti e anche un po’ napoletani;
Costituzione = moloch;
Condono evasori = scudo fiscale;
Critica = sentimento antitaliano;
Cultura = ciarpame;
Democrazia = populismo;
Dibattito = alzare la voce per coprire quella degli altri;
Disegno eversivo = spauracchio per quando le cose si mettono male;
Docenti universitari = baroni;
Elettori dell’opposizione = coglioni;
Elettori di sinistra = sinistri;
Elezioni = incoronazione;
El Pais = giornale amico dei comunisti;
Erdogan = amico;
Evasori fiscali = imprenditori tartassati;
Exit strategy = mascherare una sconfitta o una disfatta;
Feltri Vittorio = uno che agisce di sua iniziativa;
Financial Times = giornale amico dei comunisti;
Fini = traditore e comunista;
Gheddafi = amico;
Giornalismo = faziosità;
Giornalisti = farabutti;
Guerra = missione di pace;
Ignoranza = forza;
Immigrato = clandestino;
Impiegati statali = fannulloni;
Informazione = gossip;
Insinuazione = verità;
Insulti = verità;
Intellighentzia = (dispr.) chiunque perda tempo a leggere libri; 
Kim Jong Il = amico;
Lavorare = fare annunci ai media;
Lavoratori statali = fannulloni o panzoni;
Liberale = comunista;
Libertà = schiavitù;
Libertà di stampa = farsa;
Lodo = impunità;
Magistrati = toghe rosse;
Magistratura = eversione;
Ma va là = zitto;
Menzogna = verità;
Meritocrazia = cooptazione per “amicizia”;
Michelle Obama = moglie abbronzata di amico abbronzato:
Mi consenta = ora parlo io;
Minzolini Augusto = giornalista obiettivo;
Moderato = estremista;
Moralità = corruzione;
Murdoch (Rupert) = il capo del complotto demo-pluto-catto-masso-comunista contro Berlusconi;
Negro = abbronzato;
Obama = amico abbronzato;
Oppositori = comunisti o cattocomunisti, in ogni caso nemici;
Opposizione = odio;
Ottimismo = prevaricazione;
PD = ex comunisti;
Papa Benedetto XVI = un amico;
Pluralismo = monocrazia;
Pressappochismo = professionalità;
Privacy = fare quello che cazzo mi pare;
Prostituta = escort;
Protagonismo = presenzialismo (andare a Porta a Porta);
Putin = amico;
Renzo Bossi = uno studente modello;
Risarcimento danni = tentativo di golpe;
Sentenza ad orologeria = qualsiasi causa persa dal PresDelCons;
Servizio pubblico = al servizio del Governo;
Sessantotto = discesa dell’anticristo;
Sondaggi favorevoli = vox populi, vox Dei;
Sondaggi sfavorevoli = sondaggini sbagliati della sinistra;
Tasse = furto;
Terremoto = ricostruzione;
The Times = giornale amico dei comunisti;
UE = amici dei comunisti;
Università = covi di comunisti e fancazzisti;
Utilizzatore finale = puttaniere;
Veline = candidate;
Verità = calunnia.

L’ufficio competente

Posted in Uncategorized with tags , , , , , , , , , , , , , on 29 settembre 2009 by scrittiapocrifi

Sveglia alle sei e mezza, tre ore e mezzo di macchina. 180 km percorsi, 20 euro di benzina, un permesso del capo e mezza giornata di lavoro buttata nel cesso. Tutto ciò per arrivare in un ufficio pubblico piazzato in un posto sperduto da Dio e ignoto alla segnaletica stradale, presentare una ricevuta e un modulo ed ottenere così un appuntamento e il regale permesso di ritornarci a fare ciò che devo fare.
Per capire cosa dovessi fare, e se ci fosse davvero bisogno di andare lì di persona, ci sono volute una visita al corrispondente ufficio nella mia città, un numero indefinito di telefonate, diverse mail e qualche strillo. Solo per sapere, si badi bene, qual’era la procedura corretta da seguire tra le otto diverse versioni fornitemi dalle tre amministrazioni competenti per la mia fattispecie. La cosa più straordinaria è che due sportellisti della stessa amministrazione, dello stesso ufficio, e dello stesso turno, preposti a dare informazioni al pubblico a nemmeno sei metri l’uno dall’altro sono stati capaci di darmi due indicazioni completamente opposte rispondendo alle mie richieste di chiarimento. Tutto ciò, a occhio e croce mi è già costato almeno un centinaio di euro tra inefficienze e conseguenze delle inefficienze. 
Domani bissiamo la divertente giornata con un altro documento che mi serve, mi spetta di diritto ma bisogna aspettare almeno quattro mesi per farne formale richiesta (non sia mai che l’estensore possa cambiare idea su ciò che doveva scrivere o che il cittadino nel frattempo si rompa le palle di ritirarlo), dopodiché si può compilare un modulo, pagare una tassa di bollo e dopo un mese, previo appuntamento telefonico, forse te lo danno.
E tutto questo perché qualcosina di diritto amministrativo io lo so.

Ecco perché il sonno della ragione finisce per generare e rendere plausibili veri e propri mostri come Renato Brunetta.

Cose che non capisco

Posted in Uncategorized with tags , , , , , , , , , , , , , on 22 settembre 2009 by scrittiapocrifi

Quelli che quando telefonano a qualcuno in’un altra città alzano la voce. Più lontano è l’interlocutore, più forte parlano. Se è un’intercontinentale poi, urlano.

Perché quando decidi di prendere l’autobus è sempre passato un minuto prima. E se poi puoi scegliere tra più linee stai sicuro che sono già partiti tutti.

Perché appena fanno due gocce di pioggia escono fuori decine di bengalesi che vogliono venderti un ombrello?

Perché le persone anziane non mai hanno un cazzo di meglio da fare che passare intere mattinate dal medico, quando scoppiano di salute?

tre mesi, tre settimane e cinque giorni

Posted in Uncategorized with tags , , , , , , , , , on 1 agosto 2009 by scrittiapocrifi

Onna2

Onna (Aq), 1 agosto 2009.

Di queste case
non è rimasto
che qualche
brandello di muro
Di tanti
che mi corrispondevano
non m’è rimasto
neppure tanto
Ma nel mio cuore
nessuna croce manca
E’ il mio cuore
il paese più straziato

Giuseppe Ungaretti, San Martino del Carso

In riserva

Posted in Uncategorized with tags , , , , , , , , , , , , , , , , on 28 luglio 2009 by scrittiapocrifi

E così, in questo caldo appiccicoso e sfiancante ti accorgi quasi distrattamente che le giornate già iniziano ad accorciarsi e ricordi che siamo già a fine luglio, periodo in cui la gente generalmente tira un po’ i remi in barca sul lavoro e si prepara mentalmente per andare in vacanza. Io invece no. Nel lavoro che faccio, luglio è un mese in cui si concentrano le attività più intense e le date di consegna di molti progetti avviati da mesi e mesi.
Sono arrivato a luglio al termine di una lunga e faticosa cavalcata lavorativa durata tutto l’inverno e oltre, fatta di scadenze serrate, di continue emergenze e di richieste quasi sempre esorbitanti ma altrettanto ineludibili da parte dei miei capi (siamo alla vigilia di un rinnovo contratto). Più una serie di viaggi  a volte faticosi nei week end, di infinite incombenze domestiche, di nervosismi diffusi e spesso, di lavoro straordinario fatto a casa la domenica. Senza contare il fatto che da tre mesi sono senza motorino e pertanto sono diventato schiavo dei mezzi pubblici, che mi fanno perdere un’ora e mezzo di tempo in più al giorno, senza aria condizionata e con almeno tre trasbordi per arrivare in ufficio e altrettanti per ritornare a casa.
Mi sento uno straccio: ho la pressione bassa, la notte non faccio che svegliarmi per il gran caldo, non riesco quasi più a camminare e il sabato e la domenica vorrei soltanto riposare. Spero che arrivi presto il mese di agosto e il riposo, anche se ci sarebbe persino la possibilità di dover andare fuori per lavoro sia sabato che domenica. Speriamo soltanto di sopravvivere. Non si può più vivere stando eternamente in riserva.