Tratti di matita cancellati (quando arriva la crisi)

Quando arriva la crisi economica non te ne accorgi soltanto perché ne hanno scritto su qualche quotidiano. Non te ne accorgi perché al Tg della sera martellano ossessivamente sulla gente che si butta dalla finestra. Te ne accorgi perché inizi a vedere intorno a te dei buchi lasciati da persone che conosci, che la crisi ha cancellato come se avessero passato una gomma su un tratto di matita. Rimangono solo pochi trucioli e un segno leggero, appena impresso sulla carta. Ci si guarda intorno e si vede il buco di quello che era il negozio di un tuo amico, chiuso perché non ha più clienti e il proprietario vuole comunque aumentare affitto. Ci si guarda intorno e si vedono le persiane chiuse del monolocale lasciato in fretta e furia dall’amica che non riusciva a pagare più seicento euro al mese e si sta organizzando per andare a vivere in campagna, dove i prezzi sono sempre alti ma più sostenibili. Ci si guarda intorno e si vedono tuo cugino e la moglie, due figli a carico e nemmeno un contratto di lavoro stabile, che al concorso bandito anni e anni fa hanno trovato centinaia, forse migliaia di poveri cristi nelle loro stesse condizioni. Ci si guarda intorno e si vede la mascella gonfia e dolorante dell’altra amica che vorrebbe farsi curare due denti che ormai possono essere solo devitalizzati ma non può spendere tremila euro di dentista e non ha nemmeno i soldi per volare a Bucarest o a Sofia a farseli rimettere a posto da qualche macellaio low cost. Ci si guarda intorno e ci si accorge che da un momento all’altro scadrà anche il tuo contratto e sul lavoro nessuno dice nulla sul rinnovo e nemmeno di quale morte devi morire. Ci si guarda intorno e piano piano intorno a sé si vedono tanti, troppi pezzi di vita cancellati  come se avessero passato una gomma su un tratto di matita. Poi ti guardi allo specchio e ti consoli, per un attimo, vedendo che per il momento la precarietà, i debiti, la mancanza di lavoro non sono ancora riusciti a cancellarti. Ma ti chiedi cos’altro potrà accadere domani. E se al tuo posto nello specchio non vedrai altro che un buco. Un tratto di matita cancellato su un foglio bianco, e un segno leggero, appena impresso sulla carta.

Post scriptum: mentre chiudo il post passo per caso davanti all’ennesima filiale di banca che è spuntata nella zona. E si tratta di una banca d’affari. Oggi c’è l’inaugurazione e, oltre ad un buffet pantagruelico sui desk sono ben visibili tanti secchielli di champagne, per l’esattezza Veuve ClicquotUn brindisi, in fondo, non si nega a nessuno.

Annunci

5 Risposte to “Tratti di matita cancellati (quando arriva la crisi)”

  1. amnesialemon Says:

    Fuggita dall’Italia per non dover brindare all’ennesima filiale di merda e per poter scrivere nella mia vita pagine colorate indelebili. La salita e’ dura come emigrata, ma per ora non torno indietro. Non che qui il mio contratto sia migliore ma non ne potevo piu’ di sentire certe storie. Non giro la faccia dall’altra parte facendo finta di non sapere ma tento di prendere una boccata di novita’ che mi e’ mancata per un lungo periodo.

    • scrittiapocrifi Says:

      Il punto è che si va fuori, giustamente, a cercare una speranza che ormai qui si è persa completamente. L’unica prospettiva possibile sembra essere questa. L’ultima indagine Almalaurea segnala che il 40% dei laureati è pronto ad andare via dall’Italia, questo significa che il punto di tristezza senza possibilità di redenzione lo abbiamo già superato. Non è un paese per giovani, ma nemmeno per persone alla soglia della mezza età. E’ un paese governato da vecchi e dai loro leccaculi, che hanno un appetito talmente insaziabile che si sono mangiati tutto.

  2. un sociologo sta alla complessità del reale come un sorriso sta alla struttura mimico-facciale Says:

    Se Napolitano dice di fermare il calcio per uno o due anni, mi chiedo per lo schifo che attornia i governati quanto dovrebbero stare fermi i governanti?? Non voglio cascare nella banalità, ma l’Italia ha bisogno di aria nuova e non fritta. Il brutto è che se molti partono l’Italia non rientra mai una prospettiva di ritorno perchè non attrae.Se si andasse fuori dall’Italia per fare esperienza, per mettersi alla prova allora avrebbe un senso e sarebbe lodevole mentre qui letteralmente si SCAPPA per non tornare.Chi sta veramente perdendo in questo gioco al massacro?

    • scrittiapocrifi Says:

      Gli scandali calcistici sono solo la punta dell’iceberg di un’Italia completamente compromessa dalla corruzione. Serviranno forse ad aprire gli occhi a qualcuno su come stiamo messi.

  3. il Disagiato Says:

    Arrivo con mesi di ritardo per dirti che trovo questo post dolorosamente bello. Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: