Personaggi maleodoranti

Da oggi le motivazioni per cui la gente puzza non riguardano soltanto la trascuratezza nella cura dell’ igiene personale, ma sono anche un fatto politico. Ha ragione Berlusconi.
Effettivamente deve pur esserci qualcosa di politico nel fatto che ieri, tornando a casa, l’ascensore era impestato di un nauseabondo odore di aglio marcio misto a rutti di alcoolizzati. Sarà un’espressione di dissenso di classe, mi sono detto. Un modo di dire pubblicamente che si detestano le convenzioni igieniche borghesi.
E ho voluto approfondire la questione con un ampio tour in odorama sui mezzi pubblici della città, con il pretesto di avere il motorino in avaria e dover andare al lavoro lo stesso. Con l’occasione, mi sono detto, magari scoviamo qualche ottimo candidato alle europee. Non un puzzettone qualsiasi, un punkabbestia di dubbi olezzi. 
Comè noto, autobus, tram e metropolitane sono il registro olfattivo delle abitudini igieniche e sopratttto mentali della popolazione. Unimpareggiabile  database di olezzi, miasmi e fetori, stratificato per sesso, età, condizione socialeappartenenza etnica e atteggiamento politico. Per condurre questa osservazione sul campo, ho scelto così un giorno ed un orario e, soprattutto, una temperatura ideali: nè troppo fresco, che inibisce la cinetica delle molecole delle puzze; né troppo caldo che stimoli una iperproduzione ed una saturazione dei recettori olfattivi.  
Ecco qui qualche risultato. Le vecchiette sanno prevalentemente di broccoli stracotti misti a naftalina, ma tutto sommato sono sopportabili.  I vecchietti, invece sanno di naftalina mista a dopobarba di infima categoria. Alcuni stranieri, in prevalenza dell’est, sanno invece di sudore e di metaboliti dell’alcool, sovente accompagnati ad una persistente nota di cipolla stufata e grasso di montone. Poi ci sono le gran signore che sanno di lacca per capelli e fanno il bagno nel profumo, talvolta con un sottofondo di leggerissime perdite di urina, che è vero, non devono cambiare la vita ma, in compenso, si sentono. Le ragazzette odorano invece di gomma da masticare, sudore di piedi rappreso nelle scarpe di gomma Converse e, talvolta, di mestruo. I ragazzi più giovani sanno invece d’ascella pezzata e di ormoni lasciati in libertà, che in qualche occasione si accompagnano alle note agrumate di gel per capelli da pochi euro. Quelli che scorreggiano in autobus non li contiamo proprio perché sono i personaggi più infidi e subdoli in cui ci si possa imbattere.
Ma il più terribile di tutti era un signore sulla cinquantina, apparentemente ben vestitostirato. E ha deciso di sedersi proprio accanto a me. Un tanfo indescrivibile e penetrante di idrocarburi aromatici, montone selvatico, cane bagnato, gallina, piscio e tabacco marcio, sudore acido e astinenza dal bidet.
La cosa peggiore è che sono bastate quattro fermate perché quest’odore mi si attaccasse addosso, come una piovra, pronto a ripresentarsi a sorpresa mentre sto parlando con una collega o un importante committente, o nel bar a prendere un caffè, magari con una bella ragazza.
Ecco, ora ho capito perché aveva ragione Berlusconi: il disagio che si prova è immane. Tra i requisiti di un candidato al Parlamento Europeo devono esserci un aspetto, un decoro ed una igiene più che dignitosa, a prova di qualsiasi controllo mutande a campione. Ecco perché, mentre impazza la divorce story, ha deciso di candidare uomini profumatissimi come Mastella e Pomicino.

Chissà perché, dalle mie parti il Cavalier Benito Mussolini viene ricordato affettosamente con l’epiteto di “er puzzone“.

Annunci

20 Risposte to “Personaggi maleodoranti”

  1. Minchia. pure il blog puzza, però.

    😀

    Scherzo.

    Mi son chiesta se anch’io puzzo di pipì o mestruo. Cristo santo ma ne andrei fiera. Preferisco puzzare che profumare come un Mastella o un Silvio. Che saprebbero di uovo marcio dentro, fino al cuore.

    • scrittiapocrifi Says:

      Questo post puzza, davvero. Ce l’ho davvero messa tutta per essere disgusting and disturbing. Non credo, tuttavia, che tu possa puzzare. Prendo atto, in ogni caso, che nel nostro civilizzato paese c’è chi teme l’acqua e sapone come se fosse vetriolo. E prendo anche atto che se il buon odore è diventato un requisito per candidarsi, non si capisce per quale motivo siano stati candidati personaggi dal curriculum politico così fetente.

  2. Ora capisco perché un tempo, al momento del voto, ci chiedevano di turarci il naso.

  3. Amore_immaginato Says:

    Devo avere seri problemi d’olfatto.
    O sei tu che l’hai particolarmente fino.
    Io certi odori non riesco proprio a sentirli, quelli più ovvi a parte, nemmeno se mi applico.
    Ora la domanda sorge spontanea: non li sento perchè mi rappresentano o dovrei fare una seria visita dall’otorino?
    Stasera mi faccio una doccia in più…hai visto mai!!!

    • scrittiapocrifi Says:

      E’ un inconveniente dell’aver smesso di fumare: si sentono molto più precisamente tutti gli odori, sia quelli gradevoli che quelli disgustosi. Probabilmente, se non si tratta di ragionevoli dfferenze individuali, o tu continui a fumare o io sono diventato una specie di cane da tartufo. Per la doccia, comunque, apprezzo il pensiero, ma non sentirti obbligata

      • Amore_immaginato Says:

        Diciamo che io non ho smesso di fumare e che tu sei una specie di cane da tartufo così non facciamo torti a nessuno.
        Non mi sento obbligata ma la faccio lo stesso…anzi ti sto scrivendo dalla vasca!!!!

  4. 😀
    in primavera si risveglia la natura …di certi esemplari in odor di consultazioni elettorali .

  5. E’ la prima volta che passo di qui… Sono sbalordita da questo post! Io adoro scoprire le note dei profumi, ma la tua analisi delle puzze è a dir poco notevole!

    ps. adoro e stra-adoro (e stra-porto) le Converse (anche se non sono una ragazzina), ho provato un attimo di terrore quando si parlava di sudore rappreso… (Le mie sanno di gomma e tela, però le passerò in rassegna tutte adesso…!).

    • scrittiapocrifi Says:

      Non ci tenevo a diventare un puzzologo, ma le puzze dicono molto di chi le emana. Quanto alla Converse, confesso di aver peccato anch’io, in gioventù. E ricordo un viaggio fino a Paros di 54 ore. E il loro odore intenso di alce putrefatto. Era la fine degli anni ’80.

  6. Urca! Alce putrefatto addirittura!

    Comunque, è affascinante il mondo degli odori: è come dici tu, “parlano” di chi li emana. Non c’entra nulla con il tuo post, ma è fantastico, ad esempio, innamorarsi dell’odore di una persona (ho detto odori e non puzze effettivamente…).

    • scrittiapocrifi Says:

      Ogni tanto dobbiamo ricordarci di essere degli animali: senza scomodare Konrad Lorenz o Piero Angela, è quasi superluo sottolineare l’importanza e la complessità degli usi dell’olfatto. Dalla predazione alla difesa, dal comportamento sociale fino alla riproduzione, il mondo degli odori è una variabile fondamentale per assicurare la sopravvivenza ed il successo biologico della specie. Ecco perché, ad esempio, per far addormentare i bambini piccolissimi è utile dar loro un peluche che abbia l’odore della mamma.

  7. Eccheccazzo, e mo ne sento il doppio, quando giro in metro.

  8. Era dai tempi del “Profumo” di Suskind che non leggevo una tale poesia della puzza.
    Ci sarebbe da aggiungere chi puzza un misto di naftalina, abiti vecchi e alito marcio, una cosa indimenticabile, le signore che si ostinano ad usare Aromatics Elixir tracciando la propria presenza per chilometri e il sempre insuperabile odore di cane bagnato.
    Un saluto.

  9. ma se non erro mastella con prodi era addirittura ministro della giustizia….. o no? e de mita?…. il fagocitatore dei miliardi destinati alla ricostruzione dell’irpinia si siede a sx nel parlamento…. o no?? penso proprio che berlusconi è quello che puzza meno in parlamento….

  10. Benito er puzzone? lol …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: