Ricette immorali

E mi ritrovo qui, con questo strano libro per le mani. Un libro di ricette scritto da uno dei più talentuosi scrittori sudamericani. Stranamente, tra i miei autori preferiti me li ritrovo insieme a pari merito con qualche giapponese e con alcuni americani: Fante, Kerouac e Salinger, così come mi vengono in mente.
Manuel Vasquez Montalban, è accomunato a Luis Gerardo Sepulveda e Gabriel Garcia Marquez per il fatto di avere tre nomi. Qualche scrittore brasiliano ne avrà anche quattro o cinque.
Hanno anche altre cose in comune, per esempio questa sensualità decadente e un po’ sporcacciona, fatta di tempeste tropicali, vegetazione lussureggiante, caldo, umidità, sguardi e rum.
Di corpi nudi e occhi neri che scrutano, di fianchi prorompenti adagiati tra lenzuola stropicciate, di sontuosi
culi che invitano all’amore e alla lascivia.
Di speziate pietanze che diventano lettere d’amore, ma anche di cucine povere e approssimative, per riempire la pancia.

Di sigaraie cubane che rollano puros tra le cosce, battelli a vapore e strani animali che vivono nel grande fiume, o lungo le sue sponde.

E la conquista e la seduzione passano anche per il cibo, come spesso accade in questi casi. Ed è proprio così che succede e spesso è sufficiente la semplice attesa di fare l’esperienza di un sapore nuovo. Una sensualità tutta da toccacciare, che si lascia leggere, a tratti placida a volte irruenta ma mai uguale a sé stessa, come il Rio della Plata o la Cordillera delle Ande.

Di necessità si fa virtù. Ecco perché ho iniziato a dedicarmi all’arte poblana della cucina e alla coltivazione del peperoncino. E ho un po’ di sudamerica anche nei vasi sul terrazzino di casa. Habanero, CayennaJalapeño e altre dieci o dodici varietà di tutto il mondo. Tutto sommato, meglio questa che altre forme di collezionismo un po’ viziose, di quelle che tanto piacerebbero a Garcia Marquez.

Annunci

37 Risposte to “Ricette immorali”

  1. Tomthumb Says:

    Ho letto (colpevolmente) solo un libro di Vasquez Montalbàn ma l’intreccio sesso-cibo (con annessa malinconia di sottofondo) era preponderante anche lì: “tre storie d’amore” si chiamava il libro ma avrebbe potuto chiamarsi anche “molte storie di cibo” o qualcosa del genere…
    Tom Thumb

  2. scrittiapocrifi Says:

    Colpevole sarebbe solo se ci fosse un’interrogazione. Il bello della lettura è proprio che si può leggere quello che ci pare e quando ci pare. E se ci va, lasciare a metà un libro senza rimpianti.

  3. Amore_immaginato Says:

    I libri…
    Una volta li divoravo.
    Ora manca il tempo.
    Non è vero…il tempo ci sarebbe pure.
    Manca la voglia di smetterla di essere approssimativi.
    Quando decido di leggere un libro mi ci tuffo dentro.
    Lo vivo e lo respiro.
    Ne subisco il fascino come se mi transitasse attraverso.
    Ho cominciato un solo libro senza finirlo.
    Non mi ha creato alcun tipo di emozione.
    Sembrava di stare in una sala operatoria.
    Asettica, incolore.
    Ma tornando al tuo libro…
    cos’è davvero l’immoralità?
    (I titoli mi suggestionano e mi portano lontanissima)

    • scrittiapocrifi Says:

      Cos’è l’immoralità? Costruire case “antisismiche” annacquando il cemento per risparmiare il 2,5% sui costi. Per il resto, bisognerebbe chiedere a Vasquez Montalban perché abbia deciso di dare quel titolo ad un libro di ricette.

  4. Adoro la “sensualità decadente” di questi scrittori.
    Soddisfano un mio bisogno…come la cucina.
    A maggio mi porteranno dei peperoncini dal mexico.
    Se mancano alla tua collezione fammi sapere, che te ne lancio qualcuno sul terrazzo 😉

  5. io ci credo e me la prenderei volentieri una piantina.
    purtroppo il mio giardino è completamente in ombra ad ogni ora del giorno.
    questo mi preclude la coltivazione di qualsiasi pianta necessiti di luce solare.
    Posso coltivare solo funghi spore e muffe…

  6. out of focus Says:

    Pane e pomodoro . Piatto peccaminoso per eccellenza perché comprende e semplifica il peccato rendendolo accessibile a chiunque. Piatto peccaminoso in quanto può significare un’alternativa a tutto ciò che è trascendente, a tutto ciò che è pericolosamente trascendente, se diventa cultura della negazione. Non fate la guerra ma pane e pomodoro. [ non so cos’ho esattamente scritto, ma non fa nulla ]. Al massimo si aggiungono i funghi di Goz 🙂

    • scrittiapocrifi Says:

      Non vorrei che si finisse per dire che anche l’uovo sodo, nel suo piccolo, emani chissà quale lascivia. Non è una questione di semplicità, ma di tempo che ci vuole per prepararlo, di attese che si vogliono evocare. Se il pane e pomodoro lo fai col culetto di una bella pagnotta cotta a legna, usi pomodori maturi e appena staccati dalla pianta, lo condisci con sale, olio paesano e profumato origano, può anche essere un piatto sensuale. Un piatto semplice, ma sensualissimo? Prendi un gambo di sedano, riempilo di ricotta salata e stendici sopra un’acciuga salata tenuta a insaporire nell’olio di peperoncino.

      • ma come ti vengono ste ricette?

      • out of focus Says:

        Dev’essere buono, ma ultimamente mangio come uno scaricatore di porto, dovrei preparare un campo di sedani. Pero’ dev’essere buonissimo, mannaggia..

      • scrittiapocrifi Says:

        In realtà l’ho scoperta durante un viaggio e l’ho riadattata, come spesso accade per certi sapori davvero indimenticabili. Mi ricorda un’insalata di aragosta con uva, mele e ananas in salsa rosa. Irripetibile.

      • scrittiapocrifi Says:

        Di solito io li servo come antipasti sfiziosi con un bel rosso tipo Primitivo o Negramaro. Non credo che siano indicati per saziare la fame, ma al terzo generalmente ci si ferma.

  7. non ne ho. ma se li rimedi mettiamo su una coltivazione nel mio giardino.
    a parte che anche casa tua non dovrebbe essere esposta molto al sole.
    è un problema di tutta la zona. o sono solo io sfigato?

  8. per cri: io quindi sono molto peccaminoso, perchè il peperoncino lo metto ovunque. anche nella minestra. 🙂

    • scrittiapocrifi Says:

      Quello non è essere peccaminosi, ma inseguire mitologie virili tutte calabresi. Ogni forchettara è un attestato di machismo, uno sfoggio di testosterone. Poi ti viene una prostata come un super tele e te la vedi bene con l’urologo.

    • out of focus Says:

      Figurati quando riuscirai a farlo crescere sul balcone 🙂

      • quando avrò un balcone, ci pianterò quelli messicani 🙂

        • scrittiapocrifi Says:

          C’è gente che compra costosi faretti e ventilatori per coltivare l’insalata nella vasca da bagno, confido che anche tu riuscirai a coltivare un peperoncino senza sole. Forse ne verrà fuori una insipida monnezza, ma almeno provaci.

          • ci ho provato. e viene esattamente una monnezza.
            poi non pizzica senza sole.
            ottima l’idea della vasca da bagno 😉

          • scrittiapocrifi Says:

            Sia chiaro, che sia solo per i peperoncini. Se ne hai bisogno, mentre decidi come allestire la tua serra – vasca – con tenda a ossigeno di Michael Jackson ti passo una piccola decima sul raccolto. L’otto per mille.

          • l’otto per mille mi va bene.
            per la vasca, non posso, la padrona di casa potrebbe non gradire.
            visto che io non gradisco lei, è meglio evitare.
            già mi incolpa delle piante che muoiono in giardino…

          • scrittiapocrifi Says:

            Ci credo che ti dà la colpa. Te l’ho pur detto che non sta bene pisciarci sopra. Almeno, evita di farti vedere.

          • i miei commenti sono finiti sopra.
            un giorno mi spiegherai come funziona l’indentazione in questo blog 🙂

          • scrittiapocrifi Says:

            Non lo so, certo che il thread order fa abbastanza cagare.

          • out of focus Says:

            Ecco, ora trasformera’ la casa in una serra ed elargira’ insalata e peperoncini a tutti.

          • scrittiapocrifi Says:

            Basta che non la prenda troppo alla lettera. C’è il rischio che apra un blog per mostrare alla rete quanto cresca il suo puparuolo®.

      • scrittiapocrifi Says:

        Attenta che Gozer ti potrebbe prendere molto alla lettera.

  9. perchè non posso replicare ad alcuni commenti?
    comunque una cena dobbiamo riorganizzarla. tieniti pronto.

  10. Non sono io. è colpa della gatta.
    è lei che ci piscia, e che scava sotto alle piante per seppellirci i topi che cattura.
    a me va bene così, prima me li voleva portare in casa ….

  11. …sì, ma Montalban è spagnolo! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: