23 Risposte to “Managers”

  1. Oh se ci sono gadget a minchia chiamami che sono dei vostri. Penne, aeroplanini, blocchi per gli appunti. Meglio di un mercatino. Per le perle di saggezza dei tromboni consiglio tappini per le orecchie. Quelli che danno in aereo vanno benissimo.

    • scrittiapocrifi Says:

      Gadget più inutile: c’era un’intera insalatiera di omini di MSN in resina rossa con brillantini dentro. Ne ho presi una manciata. Tiè.

  2. Uno dei soliti frusti problemi dei “quadri” è che sono prigionieri di quello che credono di essere, di quello che pensano sia alla loro portata. Sorridono sornioni, stringono mani e si lasciano cullare dal misero potere che hanno in gestione facendosi cullare dai cliché vincenti: mercedes, microportatili, segretarie tragicomiche, biglietti da visita, poltrone d’avanguaria. Se veramente la società umana fosse competitiva il 99% di questi miserabili sarebbe disoccupato in preda alla depressione perché neanche i magazzinieri sanno fare.
    Proprio come i politici. È inutile, profumata carne da macello.

  3. scrittiapocrifi Says:

    Sono puri e semplici scarti di lavorazione del capitalismo finanziario. Poveracci pieni d’arroganza e vuoti di sapere, che sguazzano come maiali in una crisi che loro stesso hanno provocato. Un’azienda va bene? Produce, vende, è ben posizionata sul mercato e da di che vivere a tante famiglie? Non basta. Loro vogliono i soldi veri. Annunciano una ristrutturazione, tagli al personale, esuberi e il titolo subito vola in borsa. E’ un po’ come premiare qualcuno per essersi sparato sulle palle.

  4. sono poveracci pieni di soldi e si credono potenti da decidere il nostro pensiero
    quanto spreco di tempo ed danaro…

  5. Li manderei tutti ai lavori forzati.
    Grazie per l’invito, conto sul 3′ giro gratis!

  6. tornerò.
    lieto di conoscerla

  7. bat ior blog is brand niù !

    saunds great.. aill put it into mai fiids .

    Ciao

  8. Però con qualcuna tacco 12 nel frattempo si può fare di meglio ;P

  9. Bella descrizione, arguto scrittiapocrifi 😉

  10. non mi piacciono i ‘cravattatissimi abbronzati manager’ non perchè sono manager ma perchè sono lampadati 😀

    piacere!

    • scrittiapocrifi Says:

      Il “vero” manager è sempre abbronzato, anche a marzo. Tanto per ricordare agli altri (quei poveri stronzi che non hanno fatto la bisness scul in America) che “io sò io e voi nun sete un cazzo”.

  11. Tutti quellì lì, si stanno recando al congresso del pidielle, sicuro!
    I manager poi, si distinguono anche per lo Stupid Urban Vehicle da cui svettano sui comuni precari..

    • scrittiapocrifi Says:

      Non tutti i manager hanno a che vedere col PdL. Molti di loro considerano la politica (sic!) come una improduttiva perdita di tempo. Quanto ai SUV, sfondi una porta aperta. Resta che non è un’esclusiva dei manager (molti dei quali hanno l’autista a disposizione), ma anche dei più temibili wannabe.

  12. Cityman Says:

    Mai compliments 4 ior blog!
    an autor from Spinoza

  13. gatteinviperite Says:

    infatti sembrano tutti in uniforma.
    e forse anzi sicuramente lo è.

    quelle poche volte che ho dovuto per forza mettermi in uniforma anch’io, odiavo le occhiate libidinose che davano quei manager pseudo-virili ai miei tacchi, al mio culo, alle mie tette e alle mie labbra.

    ecco: forse è questa la cosa più squallida, fanno tanto business, e ti parlano solo per “b2b”, ma in fine vogliono solo cucchare.

  14. Non ho resistito al messaggio subliminale…
    🙂

  15. scrittiapocrifi Says:

    E intanto, in Francia i manager invece di invitarli su un palco a sparare cazzate li sequestrano

  16. Non sono d’accordo! Quel tipo di manager (cioè: IL tipo di manager) porta scarpe color cuoio antico con i lacci e -troppo spesso – con inpunture all’inglese.
    Per il resto, beh…le generalizzazioni sono quasi sempre superficiali, inutilmente polemiche e qualunquiste. Tuttavia…Ho fatto parte a lungo di questo circo Barnum per non sapere che ci sei andato molto, ma molto vicino!

    • scrittiapocrifi Says:

      Mannò, le preferenze in fatto di scarpe – com’è noto – variano da azienda ad azienda, e talvolta segnano i confini tra i vari livelli dirigenziali. In quelle di TLC c’è la tendenza alla scarpa un po’ più sportiva e ricercata, per banche, assicurazioni ci vuole una scarpetta un po’ classica. Quanto alle generalizzazioni, personalmente sono una consistente voce del mio stipendio, per cui le trovo utilissime e affascinanti. Sempre che non siano fatte a cazzo di cane, ovvio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: